Vademecum del Professionista ER covid-19

PROFESSIONE - Emergenza Coronavirus

L'emanazione dei recenti Decreti del Presidente del Consiglio dei MInistri ha ingenerato numerosi casi di disorientamento e richieste di charimenti da parte dei Professionisti, in molti casi chiamati alla gestione delle attività produttive, in particolare nei cantieri mobili. Vale la pena ricordare che le norme comportamentali prescritte valgono in ogni situazione ed una breve sitensi potrebbe essere schematizzata in:

Norme generali

  • lavare spesso le mani con soluzioni idroalcoliche
  • evitare il contatto con altre persone: strette di mano, abbracci, ecc… e mantenere una distanza di almeno un metro tra le persone
  • starnutire e tossire su fazzoletti usa e getta o all’interno del gomito evitando di nebulizzare nell’aria liquidi corporei da attività respiratoria
  • evitare l’uso promiscuo di posate, piatti e bicchieri
  • evitare di toccarsi occhi e mucose del corpo

Gestione dello Studio

  • privilegiare l’attività lavorativa intelligente (smart working) da casa e in videoconferenza con gli altri soggetti dell’organigramma dello Studio
  • evitare contatti diretti con Clienti e Collaboratori fuori e dentro lo Studio: sopralluoghi, rilievi, trasferimenti condivisi, ecc…
  • utilizzare i sistemi informatici per istanze, invio documentazioni, accessi virtuali alle Pubbliche Amministrazioni, ecc…
  • gestire l’attività dei Tirocinanti a distanza con modalità telematiche evitando contatti diretti ma garantendo al tempo stesso la continuità formativa

Organizzazione delle attività professionali in cantiere

  • accertare che le procedure di gestione delle attività siano adeguate ai principi dettati dai provvedimenti emanati con riferimento ai protocolli di sicurezza previsti per le diverse lavorazioni
  • verifcare che le distanze di sicurezza, la gestione dei servizi igienici ed assistenziali e l’igiene personale nei cantieri siano rispettose delle stesse cautele previste per le attività produttive fisse e per la quotidianità delle persone
  • adottare sistemi, o procedure, di protezione collettiva, utilizzando solo in sub-ordine dispositivi di protezione individuale idonei ad evitare la trasmissione dei virus, direttamente attraverso le vie respiratorie o indirettamente con i contatti diretti o indiretti
  • prescrivere procedure operative allineate ai principi emanati dagli Enti preposti
  • integrare l’attività di vigilanza sull’esecuzione delle opere e sul rispetto delle norme di sicurezza con riferimenti agli obblighi, per chiunque, di ridurre ed evitare occasioni di potenziale contagio, equiparando a pericolo grave il mancato rispetto delle norme comportamentali prescrittive introdotte dai Decreti  
  • valutare l’adeguatezza di un cronoprogramma prescrivendo lo sfalsamento delle attività anche in considerazione delle situazioni di potenziale contagio da affollamento e riconoscendo i corrispondenti maggiori oneri imprevisti derivanti dal potenziale rischio di contagio
  • organizzare riunioni di coordinamento su piattaforme informatiche o interagendo comunque con sistemi di comunicazione indiretta
  • segnalare tempestivamente ogni situazione di rischio di contagio e provvedere alla interruzione/sospensione delle attività che non rispettano le norme prescrittive emanate

 

In allegato il testo integrale del Vademecum che la Federazione Regionale Geometri e Geometri Laureati dell'Emilia-Romaga ha predisposto per fornire un quadro esaustivo delle norme comportamentali più opportune da adottare.

Fonte: www.collegiogeometri.bo.it